Mylia Membership Program

Perché?

In Mylia crediamo nel valore di un network che connette professionisti dentro e fuori le aziende in un ecosistema, che dedica spazio al confronto e alla creazione di progettualità funzionali ai cambiamenti che viviamo quotidianamente.

All’interno di questa cornice, lanciamo il Membership Program per dare la possibilità, ai professionisti di avere uno strumento che consente di confrontarsi con i dati del nostro osservatorio manageriale ed esplorare insieme a noi i vantaggi dello strumento per lo sviluppo di progettualità e didattica.

Il Management Practices Board

Abbiamo dato vita ad un nostro Modello di comportamenti manageriali, ovvero una chiave interpretativa di stili e orientamenti comportamentali, secondo la nostra lettura ed esperienza da più di 15 anni nel mondo della formazione in azienda, il tutto attraverso la commistione di vari paradigmi: dalla psicologia del lavoro all’economia comportamentale sino ad arrivare alla smart factory.

Un modello validato, contenente un ampio e diversificato campione di oltre 2000 manager provenienti da 14 differenti industries: multivoice, costruito assieme ad un team interdisciplinare: accademici (cattedra di psicologia del lavoro dell’Università di Firenze) consulenti esperti di comportamento organizzativo, matematici ed

esperti di machine learning; concreto, perché basato sui indicatori relativi all’agito manageriale e non su variabili di personalità; evolutivo, guidato da logiche di “apprendimento non supervisionato” – in grado cioè di fornirci la visione costante dell’evoluzione che i comportamenti assumono con il passare del tempo e con l’incremento costante del campione mappato.

Il modello è rappresentato tramite una Self Organizing Map composta da 16 nodi che insieme danno vita a quello che per noi oggi rappresenta il Management Practices Board, ovvero il percorso iterativo e non lineare, che quotidianamente il manager compie muovendosi tra complessità del contesto e attività gestionali.

Si basa sull’analisi dei Comportamenti organizzativi afferenti a 4 macro aree:

Attivarsi per raccogliere dati, individuare strumenti per ricercare, saper domandare

Percepire la realtà, “ascoltare il mood”, vedere/cogliere interconnessioni, saper leggere le tendenze socio-politiche, economiche, culturali (trendwatching)

Fare sintesi, organizzare, pianificare, schedulare tempi e metodi

Archiviazione e organizzazione di dati/informazioni, attivare pensiero laterale, pensiero critico, capacità di analisi

Adattarsi, fare personal branding, self evaluation, leading by example, essere credibile

Dare obiettivi, perseguire obiettivi, assumersi responsabilità e responsabilizzare

Motivare, attivare vs disattivare

Fare knowledge sharing, comunicare, diffondere vision/obiettivi

Aggiustare/adeguare, analizzare l’errore, migliorare, gestire imprevisto/cambiamento

Coordinare, gestire risorse (tempi e metodi), verificare, determinare priorità, prevedere

Realizzare, completare, produrre valore, integrare tecnologie/strumenti innovativi

Cavalcare l’onda, think out of the box, modificare, creare vantaggio competitivo, trasgredire-trasformare-divergere

Comprendere e fare propri i più recenti modelli collaborativi

Comunicazione assertiva, capacità di mediazione, business presentation e storytelling

Sviluppare relazioni interaziendali reali e virtuali

Essere informati/informare, essere connessi al mondo esterno

La necessità di un’interpretazione più coerente con la complessità dei nuovi scenari economici impone un superamento dell’interpretazione “classica” delle competenze per spostarsi verso l’analisi delle relazioni tra gli asset cognitivi e comportamentali – sui quali si basa l’agire manageriale- all’interno delle dinamiche organizzative.

Proprio per questo abbiamo creato uno strumento il cui scopo è quello di dare evidenza delle connessioni che si generano tra i comportamenti, consentendo all’utilizzatore una lettura nuova e più ampia del comportamento manageriale:

  • Quali sono i comportamenti che utilizza o non utilizza la risorsa
  • Quanto efficace è l’investimento di energie che rivolge ai singoli comportamenti
  • Quanto l’utilizzo di un comportamento, rispetto ad un campione manageriale di riferimento, si traduce in un impatto positivo sulla performance

Questo tipo di lettura reticolare, si basa sull’utilizzo di strumenti di AI, che restituiscono informazioni sulle interconnessioni tra comportamenti. Una lettura attraverso un approccio di tipo costruttivo, che favorisce il processo di autoconsapevolezza della persona e che è lontana quindi da logiche di standardizzazione.

In cosa consiste il Membership Program?

È un programma snello a 3 step che porta all’abilitazione nell’utilizzo del Management Practices Board e all’acquisizione delle competenze sul modello e sul sistema di AI, da cui interpretare e costruire soluzioni di sviluppo per il singolo o per gruppi, dentro e fuori l’organizzazione aziendale.

Richiedi la scheda di partecipazione